Prevenzione incendi: obbligo di pulizia delle aree e dei terreni

ENTRO E NON OLTRE IL 15 GIUGNO 2020

Allo scopo di eliminare le cause che possono costituire innesco di incendi e un habitat ideale per la proliferazione di roditori, insetti e parassiti vespe, zecche, mosche, zanzare, pulci e formiche) creando grave rischio e pericolo per l’igiene e la salute pubblica, ai sensi dell’Ordinanza Sindacale n. 1/2011 e delle Prescrizioni Regionali Antincendio, è fatto obbligo ai proprietari e ai conduttori, siano essi privati, titolari di ditte commerciali o artigianali, Enti pubblici o soggetti esercenti pubblici servizi, di terreni e aree inedificate o incolte di qualsiasi tipo, site nel centro abitato o nelle immediate vicinanze, di provvedere agli interventi di pulizia di seguito elencati, che dovranno essere anche ripetuti se necessario al fine di mantenere i luoghi puliti,

 

ENTRO E NON OLTRE IL 15 GIUGNO 2020:

 

  1. Taglio delle erbacce e delle sterpaglie e regolazione delle siepi che sporgono oltre il limite di proprietà;

  2. Rimozione immediata degli sfalci e dei tagli dai terreni e dalle aree;

  3. Rimozione di eventuali detriti e rifiuti abbandonati sui medesimi;

  4. Smaltimento corretto dei rifiuti prodotti/rinvenuti, in osservanza delle norme vigenti;

  5. Divieto assoluto di abbruciamento dei rifiuti prodotti sul posto.

 

SI AVVERTE

che, in caso di inadempienza alle suddette disposizioni, salvo che il fatto non costituisca reato o violazione a leggi e regolamenti statati e regionali, ai sensi dell’art. 7bis del D. Lgs n. 267/2000, è prevista l’applicazione ai contravventori della sanzione amministrativa del pagamento di una somma da un minimo di € 25,00 ad un massimo di € 500,00 con le modalità della L. 689/81 che stabiliscono una sanzione pari al doppio del minimo o un terzo del massimo.

 

SI INFORMA

che le violazioni alle Prescrizioni Regionali Antincendio sono punite a norma dell’art. 24 della L. R. n. 8/2016.

IL SINDACO

Dott. Gianluca Serra

Allegati